testata per la stampa della pagina
Tuteliamo e proteggiamo la salute e la vita

Lo sviluppo dell'individuo passa necessariamente anche attraverso la promozione della salute, intesa come "uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale" (OMS), che richiede quindi un approccio globale ed integrato all'individuo, basato sulla persona nel suo intero e nei diversi aspetti della sua vita.

 

L'attività di soccorso a chi soffre si esprime principalmente nei servizi di carattere sanitario svolti dalla C.R.I.
Il mezzo principale è il soccorso tramite l'ambulanza, un settore di grande rilevanza per la C.R.I.,in termini di operatori impiegati e di mezzi dedicati. Nella maggioranza delle Regioni, la C.R.I. è convenzionata con le ASL e risponde alle urgenze sanitarie con personale prevalentemente volontario, altamente preparato e qualificato per affrontare emergenze e/o situazioni di crisi. E' inoltre possibile il trasporto di persone che per le loro condizioni necessitano di una speciale attrezzatura, anche se non sono in condizioni di emergenza.

Inoltre sono svolte attività di assistenza con l'ambulanza o con postazioni sanitarie a supporto di eventi e manifestazioni sportive, culturali e sociali. La C.R.I. assicura anche il trasporto in condizione di emergenza di organi per trapianti, sangue ed emoderivati e altri materiali sanitari. Tra i servizi sanitari è anche da considerare la promozione e la organizzazione della donazione del donazione del sangue. Un impegno specifico dei Volontari Donatori di Sangue per il raggiungimento dell'autosufficienza nazionale e l'aumento della sicurezza trasfusionale.


SERVIZI ORDINARI

Il trasporto sanitario ordinario viene attivato mediante chiamata diretta al nostro centralino telefonico negli orari d'ufficio.

Questa tipologia di servizio riguarda il trasporto di persone non trasferibili con i comuni mezzi di trasporto, finalizzato all'effettuazione di prestazioni sanitarie indispensabili e non erogabili a domicilio. Tra questi:

• il ricovero ordinario presso Strutture Ospedaliere o Case di Cura;
• l'esecuzione di esami strumentali o procedure terapeutiche presso strutture di diagnosi e cura;
• il trasporto di disabili presso i servizi sanitari ambulatoriali di riabilitazione;
• la dimissione di pazienti da Strutture Ospedaliere o Case di Cura;
• i trasferimenti interpresidiali.


DIRETTIVA VINCOLANTE PER LE AZIENDE SANITARIE: REGOLAMENTAZIONE DEL TRASPORTO SANITARIO ORDINARIO (Deliberazione Giunta Regionale n° 1324 del 02-10-2002)

Hanno diritto al trasporto sanitario erogato a carico della ASL di appartenenza tutti i pazienti che necessitano di trasporto in ambulanza in quanto, essendo affetti da gravi patologie e versando in condizioni cliniche tali da renderli non trasportabili con i comuni mezzi di trasporto, abbisognano di barella per essere mobilizzati dal proprio domicilio o dalle strutture residenziali regionali per non autosufficienti ove il paziente risiede temporaneamente e viceversa.

 
 
 Approfondimenti (Sito Nazionale)